Register     Login Tuesday, March 05, 2024
  Search  
 Servizio Viabilità e Servizi di Polizia Stradale    
   
 Print   
 Modifica-decadenza-sospensione e revoca    
MODIFICA - DECADENZA - SOSPENSIONE E REVOCA DEI PROVVEDIMENTI AUTORIZZATIVI
  1. Qualsiasi modifica al provvedimento autorizzativo, sia in corso d'opera che successiva, deve essere oggetto di richiesta scritta e motivata, corredata dal versamento dell'imposta di bollo e delle spese di istruttoria, nonché dagli elaborati grafici necessari.
  2. La decadenza dal provvedimento autorizzativo è stabilita con atto dirigenziale della struttura di competenza:
    • per inosservanza delle norme contenute nel relativo Regolamento;
    • per inosservanza delle norme contenute nei regolamenti di polizia locale e di edilizia;
    • per mancata manutenzione delle opere autorizzate o loro esecuzione in difformità alle prescrizioni imposte nel provvedimento;
    • per cessione dell'uso o sostituzione di persona nel godimento, eccetto nei casi previsti dall'art.21;
    • per mancato rispetto dei termini di inizio e fine lavori stabiliti nel provvedimento.
  3. L'Ente gestore della strada può sospendere temporaneamente il provvedimento autorizzativi per ragioni di viabilità e incolumità pubblica. Analogamente l'Ente gestore della strada può procedere alla sospensione per motivi di ordine e sicurezza pubblica qualora pervenga specifica richiesta da parte degli organi competenti.
  4. Il provvedimento autorizzativo è sempre revocabile per sopravvenuti motivi di pubblico interesse o di tutela della sicurezza stradale, per il verificarsi di situazioni di pregiudizio a diritti od interessi generali, senza dar luogo alla corresponsione di alcun indennizzo.
  5. Nel caso di decadenza, revoca o rinuncia, il titolare del provvedimento autorizzativo perde i diritti connessi al provvedimento ed è obbligato all'immediato sgombero ed alla messa in pristino dell'area pubblica eventualmente occupata o interessata, di modo che la stessa sia riconsegnata all'Ente gestore della strada nello stato preesistente all'atto del provvedimento autorizzativo e con possibile escussione della garanzia.
 
   
 Print