Register     Login Thursday, May 19, 2022
  Search  
 

SETTORE 9
Sviluppo e Ambiente Nord Est.
_____________________

 

 

Organigramma

 

  I SERVIZI DEL SETTORE:  

 

Servizio 9.A - Servizio acque e suolo
Tutela delle Acque, energia, risorse idriche e difesa del suolo.

 

 

Servizio 9.B - Servizio rifiuti
Rifiuti, bonifiche, emissioni in atmosfera.

 

 

Servizio 9.C - Servizio faunistico, agricoltura AAPP
Gestione della fauna, IAP, patentini verdi, lotta agli insetti nocivi

 

 


Servizio 9.D - Servizio pianificazione territoriale
VAS - ERP - SIT - Manutenzione alvei, inquinamento acustico.

 

 

Servizio 9.E - Servizio contenzioso
Gestione amministrativa e sanzioni ambientali.

 

 

STAFF
Formazione professionale, supporto giuridico, programmazione comunitaria.

 

 

________________________________

 
 

Consulta tutti i procedimenti
In questa sezione è possibile visualizzare l'elenco completo dei procedimenti di competenza del Settore 9 e la relativa modulistica.

 
 

 

Sistema di pagamento elettronico PagoPa per i procedimenti ambientali

 
 

 


Questionario di soddisfazione utenti


__________________________

 

 

  AREE TEMATICHE:  
 

Danno ambientale

 

 

Parco Fluviale del Padrongianus

 

 

Nodo In.F.E.A.

 
 

Ecosportello

 
 

________________________________

 
     
 

Informazioni Ambientali

 

 

 

Autorizzazione unica per i nuovi impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti (D.Lgs.152/06, art. 208)


Dove rivolgersi:

Provincia di Sassari - Zona Omogenea Olbia Tempio
Settore 9 Sviluppo e Ambiente Nord Est
Servizio B Rifiuti
Via Nanni n. 17/19
07026 Olbia 

Responsabili del Procedimento: 
Ing. Stefano Nocco Tel: 0789 557687, E-mail s.nocco@provincia.sassari.it 
Dott.ssa Giuliana Loi Tel: 0789557653, E-mail  g.loi@provincia.sassari.it
Ing. Massimiliano Caucci Tel: 0789557631, E-mail m.caucci@provincia.sassari.it


___________________________________________________________________________________________________


Descrizione del Procedimento:

Il procedimento ha durata 150 giorni a partire dalla presentazione dell'istanza di autorizzazione in marca da bollo da parte dell’interessato utilizzando la modulistica di seguito allegata unitamente alla documentazione in essa richiamata. La Provincia verifica la procedibilità e la ammissibilità della domanda.
1. Nel caso in cui la Provincia rilevi irregolarità sostanziali nella domanda, interrompe i termini del procedimento entro 15 giorni dalla sua presentazione, comunicando all'interessato le cause di irregolarità e i termini per la presentazione della documentazione richiesta.
2. In caso non si rilevino irregolarità sostanziali nella domanda, la Provincia trasmette agli interessati la Comunicazione di Avvio del Procedimento. Qualora sia necessaria l'acquisizione di informazioni ulteriori rispetto alla documentazione presentata, la Provincia può sospendere il procedimento, per una sola volta e comunque per un periodo massimo di 30 (trenta) giorni e richiedere all'interessato la documentazione necessaria per regolarizzare e/o integrare l'istanza. La mancata regolarizzazione e/o integrazione entro il termine assegnato senza valida motivazione, comporta la conclusione del procedimento con l'emanazione di un provvedimento espresso da parte della Provincia.
Nel proseguo dell'istruttoria la Provincia convoca apposita Conferenza di Servizi invitando tutti i soggetti coinvolti nel procedimento. I lavori della Conferenza possono avere una durata massima pari a 90 giorni e sono regolati dalle norme di cui agli artt. 14 e ss. della L.241/90.
Qualora per il progetto debba essere acquisita la pronuncia di compatibilità ambientale, la conferenza viene sospesa sino all'acquisizione della relativa delibera della Giunta regionale.
Alla conclusione del procedimento e a seguito del parere favorevole della Conferenza di Servizi, la Provincia rilascia l'Autorizzazione Unica alla Realizzazione ed Esercizio di impianti di Gestione Rifiuti.
L'Autorizzazione sostituisce ad ogno effetto visti, pareri, autorizzazioni e concessioni di organi Regionali, Provinciali e Comunali, costiuisce, ove occorra, variante allo strumento urbanistico e comporta la dichiarazione di pubblica utilità urgenza ed indifferibilità dei lavori.
Ai sensi del DPR 642/72 e ss.mm.ii all'atto del rilascio del provvedimento di Autorizzazione, il richiedente deve presentare una marca da bollo di € 16,00 per ogni 4 (quattro) pagine da apporre sul provvedimento medesimo. Ai sensi del medesimo decreto, gli Enti Pubblici sono esenti dall'imposto di bollo sia sull'istanza che sul provvedimento conclusivo.
RINNOVO: l'autorizzazione è concessa per un periodo di 10 (dieci) anni ed è rinnovabile. A tale fine, almeno 180 giorni prima della scadenza dell'autorizzazione, deve essere presentata apposita domanda alla Provincia che decide prima della scadenza dell'autorizzazione stessa. In ogni caso l'attività può essere proseguita fino alla decisione espressa, previa estenzione delle garanzie finanziarie prestate.


___________________________________________________________________________________________________


Destinatari:

Soggetti Pubblici o Privati.


___________________________________________________________________________________________________


Soggetti coinvolti:

Soggetto istante; Comune sede dell'impianto; ARPAS Dip. di Sassari; Regione Autonoma della Sardegna - Ass. Difesa del Suolo - Servizio Tutela dell’Atmosfera e del Territorio.
Altri soggetti coinvolgibili dalla Provincia a seconda del caso in esame:
- in caso di V.I.A.: Regione Autonoma della Sardegna - Ass. Difesa del Suolo - Servizio SAVI;
- per le implicazioni relative alla sicurezza ed alla salute dei lavoratori e della popolazione interessata dall'impianto: ASSL di Olbia;
- in caso di necessità di autorizzazione paesaggistica: Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici della Sardegna - Sede di Sassari; Regione Autonoma della Sardegna - Servizio Governo del Territorio e Tutela Paesaggistica per la Provincia di Sassari Zona Omogenea Olbia Tempio (in alternativa all'Ufficio Regionale, qualora il territorio interessato dall'insediamento sia oggetto di delega al Comune: Ufficio Tutela Paesaggistica del Comune sede dell'impianto)
- in caso di problematiche connesse al rischio di incendio: Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Sassari e Regione Autonoma della Sardegna, Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale
- in caso di problematiche di argomento naturalistico/forestale/aree protette: Regione Autonoma della Sardegna, Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale


___________________________________________________________________________________________________


Requisiti:

Soggettivo: disponibilità dell'area oggetto dell'intervento (proprietà, locazione, comodato, ecc.).
Localizzazione dell'area: in caso di gestione di rifiuti urbani, l'area non deve essere oggetto di vincoli escludenti ai sensi del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti - Sezione Rifiuti Urbani, Cap.11.3, in Fase II.


___________________________________________________________________________________________________


Modulistica:

Allegato A1 alla Delib.G.R. n. 14/32 del 4.4.2012 - Istanza per il rilascio di autorizzazione ai sensi dell’ art. 208 del D.Lgs. 152/06 - Impianti
Allegato A2 alla Delib.G.R. n. 14/32 del 4.4.2012 - Istanza per il rilascio di autorizzazione ai sensi dell’ art. 208 del D.Lgs. 152/06 - Discariche
Allegato F1 alla Delib.G.R. n. 14/32 del 4.4.2012 - Istanza per il rilascio di autorizzazione ai sensi dell’ art. 208 c. 15 del D.Lgs. 152/06 - Impianti mobili
Allegato A3 alla Delib.G.R. n. 14/32 del 4.4.2012 - Rinnovo
Allegato A4 alla Delib.G.R. n. 14/32 del 4.4.2012 - Voltura


___________________________________________________________________________________________________


Normativa di riferimento:

Decreto Legislativo n. 152/06 e ss.mm.ii. - Norme in materia Ambientale;
Decreto Legislativo n. 36 del 13/01/2003 - Attuazione della direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti;                                    
Decreto Legislativo n. 133 del 11/05/2005 - Attuazione della direttiva 2000/76/CE, in materia di incenerimento dei rifiuti;                                                                                                                      
DGR n.73/7 del 20.12.2008 (Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti - Sezione Rifiuti Urbani);
DGR 24/23 del 23.04.2008 (Direttive per lo svolgimento delle procedure di valutazione di impatto ambientale e di valutazione ambientale strategica)
DGR 39/23 del 18.07.2008 (Direttive regionali in materia di prestazione e utilizzo delle garanzie finanziarie per l’esercizio delle attività di recupero e/o smaltimento dei rifiuti. Criteri per la prestazione delle garanzie finanziarie per l’esecuzione di interventi di bonifica di siti inquinati);
Decreto Ministeriale 05.02.1998


___________________________________________________________________________________________________


Note e informazioni:

 Pagamento oneri istruttori attraverso il sistema Pago PA https://sassari.provincia.plugandpay.it/

___________________________________________________________________________________________________